[ STUDIO ] ........ [ SERVIZI ]


Lucca Comics & Games 2016 Officina Meningi ha presentato nel proprio stand tematico in Area Games (Padiglione Carducci - S01) un'importante novità editoriale: l'espansione Suicidium Party.

Un progetto firmato ancora una volta dal team Valentino Sergi/Michela Coletto per le meccaniche di gioco e il design del prodotto editoriale, illustrato dall'artista principale dell'edizione base Marco Tonus e tradotto in uno splendido video promozionale da Gabriele Sergi.

suicidium party, espansione, gioco, carte, officina meningi

Il pack speciale è stato prodotto in 300 copie numerate che oltre a includere un dado extra e nuove carte al mazzo base di Suicidium, permettono di aggiungere un quinto giocatore.

suicidium party, suicidium, gioco di carte, officina meningi, filler


Nello specifico Suicidium Party comprende:
° 8 carte oggetto (1x lametta, 1x cappio, 1x veleno, 5x harakiri)
° 5 carte personaggio
° 8 carte azione (7 carte risposta e una carta evento)
° 1 carta regolamento
° 1 dado segnapunti a 10 facce

Per saperne di più sul progetto irriverente disegnato dalle star del fumetto ironico cliccate qui.

SUICIDIUM PARTY


breviletture


BREVILETTURE: UN PROGETTO LETTERARIO INNOVATIVO


In anteprima al festival Pordenonelegge verrà diffuso il primo volantino letterario Breviletture, un progetto che ha l'obiettivo di promuovere il piacere di leggere distribuendo gratuitamente racconti inediti dal respiro di una cartolina in occasione di festival culturali (come PNlegge, il Treviso Comic Book Festival o Le Giornate del Cinema Muto di ottobre) e nei principali luoghi d'attesa e d'incontro della città di Pordenone.

L'INIZIATIVA


Breviletture è un progetto di Officina Meningi, un laboratorio di comunicazione culturale con sede al Talent Garden di Pordenone, spazio di co-working e incubatore innovativo di startup e microimprese creative.

Il concorso, assolutamente gratuito e aperto a tutti gli scrittori, offre la possibilità di emergere attraverso un format innovativo che propone ai lettori una pausa piacevole e accattivante, diversa da tutte le altre iniziative per l'insieme delle sue caratteristiche distintive:

° LEGGEREZZA: i racconti brevi riempiono un'attesa di pochi minuti e sono comodi da portare con sé;
° TALENTO: gli autori sono selezionati attraverso un contest da una giuria di editor professionisti;
° SFIDA: i testi, per regolamento, devono essere ispirati ai classici della letteratura;
° DIFFUSIONE: i racconti vincitori verranno stampati su Breviletture e distribuiti in 5000 copie, saranno disponibili on-line in versione e-Book e, successivamente, raccolti in una pubblicazione.
° VERSATILITÀ: il progetto prevede più contest nel corso dell'anno, focalizzati su un preciso genere letterario, che cambierà di volta in volta.



IL REGOLAMENTO DEL 1° CONTEST BREVILETTURE



Art. 1 -  Officina Meningi (www.officinameningi.it) istituisce il concorso di scrittura per racconti brevi Breviletture - Fiaba

Art. 2 - Il concorso è aperto a tutti gli scrittori maggiorenni.



Art. 3 - La partecipazione al concorso è assolutamente gratuita.


Art. 4 - I partecipanti potranno presentare massimo 1 (uno) elaborato inedito di loro produzione, scritto in lingua italiana, di lunghezza pari o inferiore a 2500 battute (inclusi spazi e punteggiatura). 

Art. 5 - Il contest scade la mezzanotte di lunedì 5 dicembre
Il genere è: la fiaba
Il racconto deve contenere obbligatoriamente dei riferimenti a una o più opere classiche (per classiche s'intendono opere note della letteratura passata, dalla mitologia alla narrativa ottocentesca, non coperte da diritti d'autore).

Art. 6 - Il racconto dovrà pervenire, insieme alla presente liberatoria debitamente compilata, in allegato a un messaggio di posta elettronica all'indirizzo info@officinameningi.it in formato testo (.txt, .rtf, .doc). Il nome del file deve costituire anche il titolo dell’opera. Ai fini della partecipazione farà fede la data di consegna dell’elaborato. I testi pervenuti successivamente alla data di scadenza non potranno essere presi in considerazione.

Art. 7 - Il vincitore, gli aggiornamenti sul concorso, i bandi delle successive edizioni e tutte le novità su breviletture verranno annunciate esclusivamente sulla pagina facebook www.facebook.com/officinameningi

Art. 8 - Gli autori cedono a Officina Meningi il diritto di pubblicare il racconto partecipante (in caso di vincita o piazzamento) su Breviletture, sul sito Internet del concorso e su un'eventuale Antologia in formato digitale o cartaceo senza aver nulla a pretendere come diritto d’autore. I diritti rimangono comunque di proprietà dei singoli Autori ai quali non verrà richiesto alcun contributo economico.

Art. 9 - Il vincitore, oltre alla pubblicazione in 5000 copie del suo racconto su Breviletture, riceverà all'indirizzo d'iscrizione 50 copie dell'edizione cartacea e uno stencil realizzato con la tecnica del graffito dallo street artist Sqon.

Art. 10 - La partecipazione al concorso implica l’accettazione integrale del presente regolamento, senza alcuna condizione o riserva. La mancanza di una sola delle condizioni che regolano la validità dell’iscrizione determina l’automatica esclusione dal concorso letterario.

LIBERATORIA (da compilare e allegare al racconto)

La/Il sottoscritta/o: Nome:__________________________Cognome:_____________________________
Indirizzo:_____________________________________________________________
Telefono: ______________ E-Mail: _______________________________________
Città di Residenza:_____________________________________________________
Autrice/autore del racconto:______________________________________________
pur conservandone la proprietà dei diritti, autorizza Officina Meningi a pubblicare, a titolo gratuito, la suddetta opera all'interno della cartolina letteraria Breviletture, sul sito di Officina Meningi e su eventuali raccolte e/o antologie del concorso. Data : __________
Firma: ______________________________________________
La/Il sottoscritta/o consente inoltre a Officina Meningi di trattare i propri dati personali all'unico scopo di perseguire le finalità concorsuali e informative e dichiara di essere a conoscenza dei diritti riconosciutigli dal D. Lgs. n. 196/2003. Data : ______________
Firma: ______________________________________________



BREVILETTURE: CONCORSO PER RACCONTI

strumenti, creativi, officina meningi
 
Scrivi, disegni, dipingi... svolgi un'
attività creativaIn quest'articolo troverai 3 importanti strumenti per poter lavorare in chiaro, senza rischiare spiacevoli sorprese da parte del fisco. 

1. L'ATTO DI NOTORIETÀ

Sui compensi derivati dalle prestazioni occasionali non si applicano né IVA né contributi. Le prestazioni occasionali, secondo il decreto legislativo n° 276/2003, sono quelle di durata inferiore ai 30 giorni (nel corso dell'anno solare) aventi lo stesso committente e per le quali è previsto un compenso complessivo annuo non superiore ai 5000 Euro netti.
Discorso simile per la vendita della tue opere, infatti per la legge italiana svolgi attività creativa se:
  • vendi, scambi o esponi creazioni di valore modico (ovvero non superiore ai 250 euro) e non superi un introito annuo di 5000 euro per la commercializzazione dei prodotti del tuo ingegno,
  • il tuo impegno è occasionalenon professionale, senza vincolo di subordinazione né organizzazione di mezzi.
Insomma, secondo l'art. 67 del D.P.R. 917/1986 sui redditi derivanti da attività commerciali non esercitate abitualmente, se il tuo lavoro non presenta i requisiti della professionalità e della prevalenza puoi esporre e vendere il frutto del tuo ingegno senza incorrere in oneri fiscalil'importante è che tu abbia con te la dichiarazione sostitutiva dell'atto di notorietà completa dei tuoi dati.
E se la vendita (o lo scambio) avviene tra soggetti privati, non hai nemmeno l'obbligo di rilasciare ricevuta o scontrino fiscale.
Discorso diverso se il committente ha partita IVA (o richiede fattura), ma ne parleremo nel prossimo capitolo dedicato alla ritenuta d'acconto.
Un'ultima cosa, il reddito da lavoro autonomo occasionale è costituito dalla differenza tra l'ammontare percepito nel periodo di imposta e le spese inerenti specificamente all'attività di produzione (art. 71 D.P.R. 917/1986), quindi conserva sempre tutte le ricevute e le fatture!

2. LA RITENUTA D'ACCONTO

Una formula contrattuale che vi permette di esercitare la vostra arte come se foste dei professionisti per un periodo di tempo e un compenso limitati.
In pratica, se non avete partita IVA e vi viene commissionato un lavoro da un'azienda, è possibile servirvi di questo documento per collaborazioni occasionali non subordinate che nell'anno solare non superino:
° i 5.000€ di compenso lordo complessivo
° i 30 giorni per singolo committente
All'atto del pagamento dovrete produrre un atto che, dal punto di vista fiscale, deve contenere: datanumero, dati vostri (incluso il codice fiscale) e quelli del committente (compresi codice fiscale e/o partita IVA), descrizione dell’attività prestata e i vari importi (lordo, netto e della ritenuta d'acconto).
L'azienda, ricevuto il documento, dovrà provvedere al saldo del vostro compenso preferibilmente in forma tracciabile e a versare l’importo della ritenuta d’acconto (pari al 20%) allo Stato entro il 16 del mese successivo alla data della ricevuta.
Nel documento disponibile in download (realizzato da uno studio commercialista) sono già impostate le formule per calcolare correttamente i vari importi.
Attenzione: la ritenuta d'acconto non va prodotta per collaborazioni occasionali verso privati o aziende residenti o con sede all’estero.

3. IL CONTO VENDITA

Il contratto estimatorio (o, più comunemente, di conto vendita) è una formula contrattuale dove un rivenditore ha la possibilità di pagare a un fornitore solo ciò che riuscirà a vendere di un dato quantitativo di merce (guadagnando sulla differenza fra prezzo di acquisto e prezzo di vendita), per poi restituire al medesimo l'invenduto dopo un determinato periodo di tempo.
° PER IL RIVENDITORE: a fronte di un numero maggiore di fornitori da gestire, il vantaggio sta nella possibilità di disporre di un assortimento maggiore senza doversi fare carico del costo d'acquisto.
(E, nel caso di merce fornita da creativi indipendenti, si aggiunge un indubbio fattore di esclusività del prodotto)
° PER IL FORNITORE: a fronte del rischio dell'invenduto, il vantaggio sta nella possibilità di garantirsi una distribuzione e, quindi, un canale alternativo alla sola vendita on-line.
(Ma attenzione, il creativo indipendente senza partita IVA può vendere solo nei marketplace!)
In sintesi, all'atto della consegna il rivenditore ottiene la disponibilità dei beni, ma la proprietà rimane del fornitore fino alla vendita.
Il rivenditore, da parte sua, ha la facoltà di liberarsi dall'impegno restituendo la merce al fornitore anche prima del termine pattuito, ma in caso di smarrimento o danneggiamento dei prodotti (anche per cause non imputabili direttamente al rivenditore), quest'ultimo resta comunque obbligato al pagamento del prezzo [nello specifico vedi l'art. 1557 del Codice Civile sull'impossibilità di restituzione] e al versamento della ritenuta d'acconto sulla sua percentuale di guadagno.
Nel documento disponibile in download ogni punto del contratto è stato esteso per rendere chiari gli obblighi di ambo le parti.

Officina Meningi, eBook Strumenti Creativi, download

[articolo originariamente pubblicato a puntate sul nostro blog professionale Lone Work]

3 STRUMENTI PER CREATIVI