LUDODIDATTICA: NOME IN CODICE


Tra le attività proposte durante i nostri corsi dedicati al mondo dei social e del marketing negli istituti professionali abbiamo incluso dei momenti di ludodidattica utilizzando alcuni giochi in scatola con l'intento di semplificare l'apprendimento di concetti fondamentali.

Le meccaniche di Nome in Codice, pluripremiato titolo di Vlaada Chvátil edito in Italia da Cranio Creations, permettono di sperimentare in forma di divertenti ed efficaci attività cognitive alcune pratiche complesse come la definizione del target e la sintesi linguistica.


Per chi non conosce il titolo in oggetto, la presentazione editoriale è sufficientemente esplicativa: le squadre si affrontano per scoprire chi per prima riesce a prendere contatto con tutti i suoi agenti, mascherati dietro i loro nomi in codice. I capi della squadra danno un indizio di una parola che può indicare più parole in gioco. I loro compagni cercano di indovinare le parole al quali il loro capo pensava. Nome in Codice è un gioco stimolante e creativo, in cui ci si diverte a trovare collegamenti tra parole che sembrano non avere niente in comune.

In estrema sintesi, due gruppi di giocatori devono tentare di indovinare le parole corrispondenti al loro colore all'interno di uno schema 5x5 esclusivamente attraverso gli indizi forniti dai loro capisquadra, il cui compito è legare più termini possibili nel singolo turno con una singola parola che ne rappresenti un sinonimo o un concetto di riferimento.

Utilizzare Nome in codice come esercizio didattico ha permesso agli studenti di apprendere in modo rapido, chiaro e intuitivo il concetto di target inteso come un pubblico selezionato (la propria squadra) a cui rivolgere un messaggio sintetico (l'indizio) volto a racchiudere più valori di riferimento (le parole da indovinare) con un obiettivo preciso.

E tutto questo con l'urgenza (ludica) di far giungere il messaggio prima degli avversari, spingendo al limite la propria creatività per collegare idee spesso distanti tra loro, ma presenti e inevitabili (come in una qualsiasi realtà aziendale), in modo coerente, facendo un lavoro non scontato di esclusione delle parole concorrenti o non appartenenti alla propria lista.

Un titolo davvero consigliato, quindi, che apre questa nostra piccola rubrica dedicata ai nostri esperimenti di ludodidattica. Alla prossima!